Cellulite: Cos’è e Come Combatterla Definitivamente

La Panniculopatia Edemato-fibro-sclerotica (Cellulite)

meglio nota come cellulite è una malattia caratterizzata da un aumento del volume delle cellule adipose dovuto ad un’alterazione della circolazione sanguigna. Il flusso circolatorio rallenta, i capillari che invadono il tessuto adiposo sottocutaneo si dilatano e diventano più permeabili, ne consegue una fuoriuscita di liquidi tra le cellule adipocitiche e un ristagno di liquidi che è alla base della cellulite.

La cellulite colpisce l’80%/90% della popolazione femminile e si manifesta in zona addominale, glutei, fianchi, cosce e talvolta anche braccia. Ci sono tre stadi della cellulite che vanno da quella edematosa con ristagno di liquidi, a fibromatosa con aumento di volume delle cellule adipose che insieme ai capillari dilatati formano noduli, ed infine si passa alla fase sclerotica in cui i noduli aumentano e formano il tipico inestetismo detto buccia d’arancia.

La cellulite è dovuta a fattori non modificabili (sesso, età, genetica, problemi ormonali, ecc) e fattori modificabili (stress, abitudini alimentari, sedentarietà, dimagrimento rapido, ipertrofia muscolare, ecc), noi possiamo agire ovviamente solo sui fattori modificabili e per curare la cellulite occorre intervenire prima di tutto sullo stile di vita del soggetto. Una corretta alimentazione unita all’attività fisica in primis vanno a ridurre i gonfiori alla gambe dovuti al rallentamento del flusso circolatorio.

Si deve porre molta attenzione nella scelta degli alimenti, è logico che la prima cosa da fare è quella di cercare di ridurre la ritenzione idrica riducendo per prima cosa gli alimenti ricchi in sale, quelli ricchi in zuccheri raffinati o grassi pro-infiammatori. Vuoi risolvere il tuo problema? Rivolgiti ad un professionista. Chiedi una consulenza alla nutrizionista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *